Tutti gli eventi a » Agrigento  • Caltanissetta  • Catania  • Enna  • Messina  • Palermo  • Ragusa  • Siracusa  • Trapani

Autobiografia del mio amico immaginario

di e con Ivan Talarico
Cosa Musica Live, Teatro
Quando 10 febbraio 2019 Ore 21:00
Dove Teatro Coppola - Teatro dei Cittadini / via del Vecchio Bastione, 9 - Catania
Prezzo Sottoscrizione volontaria
"Autobiografia del mio amico immaginario" è uno spettacolo composto da canzoni con narrazioni e meccanismi teatrali, una forma di canzone-teatro.
Tra le canzoni si affacciano brevi parlati e interazioni con il pubblico in un dialogo costante in cui l'ironia, che stempera tutta la performance, riesce a diluire il dramma fino a renderlo comico.
L'argomento principale dello spettacolo è l'identità, che accoglie al suo interno i sentimenti, i rapporti familiari, la sospensione della realtà.
E in questo viaggio incontriamo Lisa, che non può essere Elisa perché è elisa; Penelope abbandonata, che capisce che è facile fare il Procio col culto degli altri; i Paralipomeni della batracomiomachia, il bipolarismo de "Il mio occhio destro ha un aspetto sinistro"; l'incapacità di uscire a fare la spesa per la paura del pane quotidiano; la vita che continua, nonostante noi.
L'impianto scenico è semplice: una chitarra e un microfono.
Tutto viene portato avanti come in una lunga conversazione con il pubblico, costellata di canzoni, brevi racconti e poesie.

SINOSSI
A volte è difficile mettersi nei panni degli altri, ma spesso è complicato anche essere se stessi. L'unica possibilità, quindi, è essere altrove, lontano dagli altri e lontano da noi. Questo concerto è altrove.
Ivan Talarico, con la sua chitarra, ci porta nel mondo del suo amico immaginario, dove "manca il fiato, manca il tempo, resta solo lo spavento dell'addio", "le vene ci corrono dentro ma non sanno nulla di noi", "quando muore un papa ho paura di diventare papa prima o poi", "mi rimangio quello che ho detto e mi sembra più buono". Si ride e tanto, Ivan affronta il dramma con piglio ironico. Per ascoltarlo bisogna stare vicini a lui. Per capirlo bisogna stare vicini a noi.

Ivan Talarico, cantautore, poeta, teatrante, ha pubblicato due libri di poesie con Gorilla Sapiens Edizioni, è stato ospite al Premio Tenco, vincitore e miglior testo a Musicultura. Ha scritto e interpretato cinque spettacoli teatrali con la sua compagnia "DoppioSenso Unico" e numerosi reading con lo scrittore Claudio Morici, portandoli in scena in molti teatri e spazi italiani. Il suo ultimo concerto “Il mio occhio destro ha un aspetto sinistro” ha debuttato a gennaio al Teatro Vascello registrando un sold out ed è stato in tour in tutta Italia. A gennaio 2019 debutterà all'Auditorium Parco della Musica con Claudio Morici. Nel tempo libero scioglie ghiacciai a scopo ludico.

DALLA RASSEGNA STAMPA
Ivan è un vulcano al crepuscolo. Un malandrino d’altri tempi. Un mistico irreligioso. Un poeta pudico innamorato dei sensi. Un serissimo cultore della risata. Amante della logica del paradosso, delle freddure che scaldano il cuore, Ivan è un esperto dell’ingenuità, un infallibile maestro di errori, un metodico studioso della spontaneità. Poeta, cantautore, performer comico (e non solo), Talarico ha esplorato varie forme artistiche (soprattutto calcando i palchi teatrali in tutte le forme possibili) ma rimane un artista tuttora in ricerca.
[Adriano Ercolani, Repubblica XL]

Nelle canzoni di Ivan Talarico la soluzione al dramma umano è immaginaria, patafisica, fantastica. È tutto uno «scrostare i grandi sentimenti della loro stupidità», per dirla ancora con Queneau. È tutto un razionale decervellamento, che ribalta il luogo (e il senso) comune, e lo rende più credibile.
[Daniele Sidonio, L'isola che non c'era]

La parola, prima ancora che la canzone, è l’arma di Talarico. Quella con cui arriva al pubblico senza filtri e senza macchinazioni. Ricercate o quotidiane, inventate o reali che siano, infatti, le parole divorate velocemente davanti al microfono e talvolta accostate in maniera insolita e imprevedibile tra loro creano e raccontano quasi un alfabeto dell’incomunicabilità umana e permettono all’affabulatore Ivan Talarico, di tenere lo spettatore incollato alla poltrona per oltre un’ora raccontando con maestria quanto di insondabile e inconoscibile ci sia al mondo: l’amore e l’animo umano. Se ci si aspetta, però, la melensa retorica cui la musica leggera italiana ci ha abituato negli ultimi anni si rimane senza dubbio delusi. L’amore di Carote d’amore o di L’elefante non fa rima con sole e cuore.
[Valentina Ersilia Matrascìa, Art a part of culture]

Ti suggeriamo i seguenti eventi

19
venerdì
aprile
Un Vero Capolavoro
Teatro / Teatro Coppola - Teatro dei Cittadini / Catania
29
sabato
gennaio
Pensiero Debole
Teatro / TMO - Teatro Mediterraneo Occupato / Palermo
05
venerdì
aprile
Cinquecento anni dopo: Leonardo da Vinci 1519 – 2019
Arte, Festival & Stagioni Artistiche, Incontri, Musica Live, Teatro , workshop • Fino al 08 maggio / Teatro Macchiavelli - Piazza Università / Catania
07
domenica
aprile
I Cinemattici
Musica Live, Teatro / Lettera 82 Pub / Catania
 

Prossimi eventi

Il Cantico di Librino
Arte • 25 marzo 2019
 
TRIO AMAJ
Musica Live • 29 marzo 2019
Thollem Mcdonas
Musica Live • 29 marzo 2019
Let's Rock
Musica Live • 29 marzo 2019