Tutti gli eventi a » Agrigento  • Caltanissetta  • Catania  • Enna  • Messina  • Palermo  • Ragusa  • Siracusa  • Trapani

Revealing ravel, la scienza racconta il bolÉro

Una conferenza-spettacolo di Luigi Dei
Cosa Incontri, Musica
Quando 31 maggio 2012 Ore 19,30
Dove Teatro Sangiorgi / via A. di Sangiuliano, 233 - Catania
Prezzo Ingresso libero
 

Bolero - spartito
E’ una delle composizioni più note e ascoltate della storia della musica: il Boléro di Maurice Ravel evoca immagini di sensualità, l’ascolto di suoni incalzanti e di ritmi trascinanti. Ma dietro questa musica così particolare e unica c’è forse dell’altro? La domanda è: si può leggere la musica attraverso numeri e energia?
 
La risposta è contenuta nella conferenza-spettacolo Revealing Ravel, la scienza racconta il Boléro, una pièce musicale per voce recitante, multimedia ed orchestra su musica di Maurice Ravel con il testo e la recitazione di Luigi Dei, ordinario di chimica all’Università di Firenze e grande appassionato di musica, e l’apparato multimediale a cura di Gianluca Savi del Centro Servizi Informatici ed Informativi dell’Ateneo Fiorentino.
 
Revealig Ravel è una sorta di fiaba alla Pierino e il lupo di Sergeij Prokofiev in cui una voce recitante introduce lo spettatore ai misteri fisico‐matematici della musica. Si parte dall’idea che la musica è energia che si propaga attraverso la materia grazie a vibrazioni dell’aria, opportunamente prodotte dai vari strumenti, le quali poi, con opportune risonanze, generano timbri, ritmo, melodia, armonia. Il Boléro viene dunque raccontato come una storia fantastica, partendo dai colpi di tamburo rullante iniziale e procedendo fino alla deflagrazione finale del tutti orchestrale.
 
La voce recitante spiega il ritmo del Boléro, i timbri dei vari strumenti che gradualmente entrano in scena, le due melodie portanti del brano, la struttura morfo‐sintattica del pezzo musicale; il tutto con grande semplicità e stile affabulatorio, con un apparato multimediale di straordinaria efficacia e realizzando, forse per la prima volta, un felice connubio fra comunicazione per immagini e ascolto dal vivo.
 
Alla voce che racconta come si sviluppa la partitura, con l’ingresso graduale dei vari strumentisti, si accosta l’esecuzione dal vivo dei vari estratti orchestrali, presentati nell’esatto ordine in cui compaiono nello spartito. Il narratore prende per mano il pubblico facendogli scoprire che la musica, come del resto la scienza, è anzitutto quantità. Ma quasi subito il Boléro rivela che la musica è anche qualità, con i timbri dei vari strumenti appunto qualitativamente diversi l’uno dall’altro, sebbene suonino la stessa canzone. Però la quantità pian piano sovrasta nuovamente la qualità con il bellissimo ed emozionante crescendo che culmina nel tutti finale in cui il timbro, ossia la qualità, si è interamente dissolto nel fragore ritmico, pura quantità delle ultime battute.
 
Al termine di questa favola narrata, vista e suonata dal vivo, il narratore propone al pubblico alcuni versi da Il Mercante di Venezia di Shakespeare che fanno scoprire, infine, come la musica permei l’intero nostro vissuto. Subito dopo, l’orchestra esegue per intero il Boléro ricomponendo, in questa seconda esecuzione senza interruzioni, il puzzle smontato dal favolista, facendo godere allo spettatore la bellezza della musica per apprezzare la quale, come suggerisce Joyce, “bisogna sentirla due volte!”
 
La pièce musicale si avvale, oltre che di una presentazione di diapositive curata da Gianluca Savi del Centro Servizi Informatici ed Informativi dell’Università di Firenze, anche di frammenti di una registrazione in DVD del giugno 1998 (Parco di Waldbühne a Berlino con i Berliner Philarmoniker diretti da Daniel Barenboim) per il quale l’autore ha ottenuto il Copyright Permission gratuito per finalità non commerciali di educazione e divulgazione scientifica e musicale dalla EuroArts Music International GmBH.
 
 
Luigi Dei è professore ordinario di chimica presso l’Università degli Studi di Firenze dove insegna alla Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali e svolge attività di ricerca presso il Dipartimento di Chimica “Ugo Schiff”.
 
Accanto alla sua attività di docente e a quella di ricercatore nel campo della chimica dei materiali, con particolare attenzione alle nanotecnologie applicate alla conservazione del patrimonio culturale, svolge intensa attività di divulgazione scientifica presso la struttura dell’Ateneo denominata OpenLab, anche con creatività artistico‐letteraria.
 
In questo ambito ha curato la traduzione dall’inglese e la presentazione ai lettori italiani della biografia di Michael Faraday ad opera dello scienziato inglese Sir John Meurig Thomas (Michael Faraday, la storia romantica di un genio, Firenze University Press, 2007), ha curato una raccolta di scritti in onore di Primo Levi in occasione del ventennale della morte (Voci dal mondo per Primo Levi. In memoria, per la memoria, Firenze University Press, 2007).
 
Più recentemente, oltre al testo della pièce musicale su Ravel e il Boléro, ha scritto un dramma scientifico‐civile in due atti (Molecole d’autore in cerca di memoria, Firenze University Press, 2011), rappresentato per la prima volta, seppure in versione ridotta ad atto unico ed in forma di lettura per la Giornata della Memoria 2012 nell’Aula Magna dell’Ateneo fiorentino.

Ti suggeriamo i seguenti eventi

20
lunedì
gennaio
Amici della Musica di Palermo
Festival & Stagioni Artistiche, Incontri, Musica • Fino al 15 dicembre / Politeama Garibaldi / Palermo
18
sabato
ottobre
Dall'eccezione alla regola
Arte, Incontri, Musica / Scuola Superiore di Catania / Catania
26
domenica
aprile
SPEED DATE
Cabaret, Incontri, Musica, Party & Diggeiset / Hotel Villa Paradiso dell'Etna / San Giovanni La Punta (CT)
17
giovedì
aprile
Palermo suona mob
Festival & Stagioni Artistiche, Musica • Fino al 25 aprile 2015 / MOB PALERMO / Palermo