Tutti gli eventi a » Agrigento  • Caltanissetta  • Catania  • Enna  • Messina  • Palermo  • Ragusa  • Siracusa  • Trapani

The Gravedigger V - Sunglasses After Dark

Screaming rock'n'roll party
Cosa Musica, Party & Diggeiset
Rassegna Sunglasses After Dark
Quando 13 giugno 2012 Ore 19
Dove Barbarabeach / viale Kennedy, 8 - Catania
Prezzo euro 10/ euro 5 entro le 21.30
60's Market
Sunglasses, Kuma Records, Pulp presentano:
 
SUNGLASSES AFTER DARK
THE GRAVEDIGGER V live
SCREAMING ROCK'N'ROLL PARTY
Barbarabeach 13 GIUGNO 2012
 
Ticket euro 10
Ridotto euro 5 entro le 21:30
solo se con occhiali da sole indossati!
 
Dopo il successo delle precedenti edizioni, ritorna ‘Sunglasses After Dark’, il party rock'n'roll per eccellenza. Quest’anno, grazie alla collaborazione con la neonata etichetta discografica Kuma Records, l’evento si trasforma in un minifestival con cinque band e un headliner d'eccezione, le leggende del garage-rock americano, THE GRAVEDIGGER V (San Diego, California).
 
Al pari dei Fuzztones, la band del carismatico Leighton Koizumi ha segnato un'epoca. Ritornati sulla scena con una line-up strepitosa, aprono il tour italiano proprio a Catania!
 
Programma
h19.00 60's MARKET - Mercatino retro-vintage & happy lounge w/ vinyl dj set
h21.30 inizio live set
SADOPLASTIK
DEMANAGERS
THE LONG J
THE BOILERS
JAGUAR & THE SAVANAS
THE GRAVEDIGGER V from USA
h1.30 Dj Set: DUO WOP, SINISTER NIC, SUNDANCE
 
Durante la serata:
 
60's MARKET
Il primo autentico mercatino retro-vintage!
Uno spazio popolato da esperti conoscitori dei più disparati settori del vintage, selezionati per offrire un’ordinata esposizione della migliore produzione artistico-industriale degli ultimi 70 anni: vinili da collezione, 7”, 10” e 12”, manifesti cinematografici originali, strumenti musicali, rarissimi film di genere, abbigliamento, oggettistica, giocattoli d'antan, moto d’epoca, arredamento di design e tanto altro.
 
Un’area lounge allestita ad hoc, in cui scambiare, acquistare o semplicemente ammirare rari manufatti di modernariato cool.
E sullo sfondo un DJ set tinto di nero vinile!
Location d’eccezione la spiaggia del Barbarabeach, Lungo Mare Kennedy 85, Catania.
Apertura al pubblico ore 19.00. Il 60’s market non è il solito mercatino delle pulci!
 
KUMA RECORDS
Presentazione della nuova etichetta 60’s oriented tutta catanese, Kuma Records, con l’anteprima dei 7” dei Boilers (CT) e dei Living Eyes (AUS).
Nata dalle ceneri della No Tyme Records, già nota per la serie di compilation Let's Dig'em Up, e le ristampe dei Dirty Looks e Go Flamingo, questa nuova etichetta ha già in cantiere una serie di produzioni beat-garage-punk-r&b-psych-freakbeat esclusivamente su vinile. (www.kumarecords.com)
 
-----------------------------------------------
 
SUNGLASSES AFTER DARK
 
Gravedigger V
Tornano in Italia i leggendari Gravedigger V di Leighton Koizumi, stavolta con una formazione all stars…
Considerati tra i pionieri del più crudo suono garage americano, consegnano alla storia del genere un solo album divenuto ormai un autentico classico.
 
Si formano a San Diego (California) come The Shamen con una line up che prevede i teenager Leighton Koizumi (voce), Ted Friedman (chitarra), John Hanrattie (chitarra), Chris Gast (basso) e David Anderson (batteria). Riescono ad emergere grazie all’aiuto dell’onnipresente Ron Rimsite (editore della fanzine 99th Floor) ma soprattutto a Greg Shaw che produce per la Voxx il primo (ed unico) lavoro. Scelgono il titolo da un brano della leggenda Screamin' Lord Sutch (Tom Ward rimpiazza nel frattempo Gast) ma prima che esca il secondo album – composto da brani live di uno show del 1984, outtakes e cover – il gruppo è ormai sciolto. David Anderson e Tom Friedman raggiungono i Manual Scan in seguito Leighton, Friedman con Tom Clarke, Jeff Lucas e Mark Mullen fondano i Morlocks, un'altra band storica grazie soprattutto all'esordio su Midnight Records, EMERGE.
 
Da allora si sono perse le tracce del misterioso Koizumi, fino a quando qualche anno fa riforma le sue due creature, i Morlocks e i Gravedigger V. Reunion che ha portato alla ristampa di quella pietra miliare che è “All Black & and Hairy”. Finalmente disponibile Raccolta perfetta di pezzi orginali e dscure cover di 60's punk statunintense.
www.myspace.com/thegravediggerfive
 
Line up:
LEIGHTON KOIZUMI
ISIDRO RUBIO (Way y Los Argsss)
MARCELLO SALIS (Hangee V)
CLAUDIO ZUCCA (Love Boat)
SIMONE MURA (Raw Rave Groove)
 
Opening:
 
- Jaguar & The Savanas (CT)
Probabilmente la band surf più a sud dell'Europa. Nata a Catania nei più reconditi spazi dell'intelletto del chitarrista trova finalmente luce a fine estate del 2004. Diverse sono state le line-up, ma soltanto Luigi il primo e professionale batterista è riuscito a dare fronte sonoro e ritmi serrati tipici delle band surf.
 
I riferimenti musicali sono i classici americani di sempre quali Ventures, Dick Dale, Lively Ones, Jon & The Nightriders, ma anche lo strumentale europeo, Shadows, Mustangs, Pipeline 61, Jaguars e perché no anche quello proveniente dall'oriente, Yuzo Kayama e Royal Fingers, con una strizzatina allo spaghetti- western, allo sci-fi e alla strip-tease music.
 
L'attacco sonoro è principalmente caratterizzato da una Fender Jaguar Olimpic White montante corde flatwound 0.13 Pyramid, le stesse che si usavano nei sixties, talvolta alternata a una Dick Dale autografata dal Re in persona, una Burns fiesta red made in England, un black face Showman Fender con due coni JBL da 15", la classica unità di riverbero Fender rivalvolata con N.O.S. tubes, un'unità eco Binson Echorec, dalla batteria vintage Ludwig black oyster e da un bellissimo basso Fender Jazz.
 
Finalmente una line-up in grado di suonare surf anche nel bacino del mediterraneo; le sonorità arabe e i ritmi tribali, infatti, sono quasi una naturale espressione di un background innato. Ultimamente i componenti dei Jaguar sono saliti a quattro. In tal modo con l’entrata di un’altra chitarra sferragliante ed incisiva ed un basso sempre più al limite della saturazione, il suono è divenuto più compatto in stile Man or Astroman e ricco di riferimenti provenienti dal punk americano del ’77.
 
Tutti i quattro elementi vantano diverse esperienze live in Italia e all’estero. La discografia comprende alcuni brani comparsi in compilation straniere ormai divenute irreperibili da tempo e un CD di'imminente uscita per l'etichetta spagnola El Toro Records dal titolo "Wet Side Stories".
Jaguar - guitar
Gloria - guitar
Elia - bass guitar
Lou - drums
 
- The Boilers (CT)
La scorbutica metropoli ai piedi dell’etna torna a far sentire la sua voce…
Gioventù malata e amore per il valvolare uniti in un combo irresistibile: i Boilers sono questo più un sacco di altra roba. Catanesi, hanno trascorso l’adolescenza tra fuzz, ululi e melodie “continental”, maturando un gusto per il garage revival insolito e bluesy.
 
Iniziano a girare come forsennati tra Catania e Milano facendo da spalla ai “Jack of Heart” (france), “Female Trouble” (napoli) e “Bone Machine” (Roma). Da qui il loro primo tour italiano con la partecipazione allo Stupid Robot Festival di Avellino in cui fanno da spalla ai Dirtbombs. Esce nel 2009 per Billy Bones records il loro primo album, “High Heel Lovers”: dieci tracce di fresco,vibrante, sexy rock'n'roll accompagnato dal loro primo video-clip del brano “Psychedelic poof”montato e girato da Ence Fedele . A luglio 2010 partecipano alla 18a edizione del Festival Beat a Salsomaggiore Terme, dove avranno il piacere di aprire ai padri del garage "Sonics" e "Gravedigger V". A settembre 2010 affronteranno una chiusa in studio non di poco conto e pochi mesi dopo un'altra grande apertura alla storica band "Fuzztones". Dopo una breve pausa dalla scena, ritornano sul palco e non solo: uscirà a giugno 2012 il loro nuovo singolo in 45 giri per "Kuma Records" con due side , "Daisy" e "Shaman", carichi di groove e infermità .
 
- The Long J (CT)
Nel dicembre 2011 esce per Edwood Records ed Edizioni De Dieux “Raggio Katarana”, il primo album di The Long J, distribuito in Italia da Audioglobe.
Felice erede della migliore scena indie catanese il duo The Long J, Adolfo Macrì(guitar-vox) e Marco Riccioli (drums –vox), (già rispettivamente nei 100% e Spriggan), erutta letteralmente tutta la sana energia fagocitata in anni di fervido e vissuto confronto cittadino che ha fatto e continua a fare di Catania una delle città laboratorio più feconde e significative per la scena indie italiana. I Long J si sono fusi li a Nicolosi, alle falde dell’Etna, in un garage freddo e pieno di vecchi mobili e suppellettili di famiglia, stordendosi di volumi alti mentre il gigante romboleggiava.
 
“Raggio Katarana” è l’Etna che balla il Rock ‘N’ Roll e ti sputa addosso il suo sudore: fertile e calda cenere mista a lapilli solleticanti. In questo freddo inverno italiano ricco di scioperi, proteste e navi enormi che affondano non poteva esserci esordio più necessario, vivo e rumoroso di questo delle nostre schegge impazzite, The Long J.
 
E tra le ceneri ritroviamo tutte le pietre miliari d’oltre oceano, il garage, il noise/post-rock rielaborato in una spruzzata di sano e ribelle punk attualissimo, autentico di sobborghi di città di periferia che sognano ancora, che soffrono, che vivono, che vogliono ridere. Un disco senza frontiere, autentico. Registrato da Sasha Tilotta (Three Second Kiss, Theramin) e benedetto dal mastering di Bob Weston (basso/chitarra Shellac), ci restituisce tutta la sapienza del duo che con distorsioni fugazuzedalbiniane e ritmi sostenutissimi costruisce l’unica cornice possibile per una voce che non cambia molto se lotta con la timidezza imposta da un microfono o se urleggia durante il lancio in aria di un polipo di 2 chili alle 4 di mattina al mercato di Palermo dopo l’ennesimo concerto…provare per credere.
 
La band sarà in tour in Italia in aprile e nell’estate 2012 con tanto di sacchetti di cenere lavica al seguito… Edizioni De Dieux dal 2006 aderisce alla lista dei commercianti antiracket promossa dal Comitato Addiopizzo; tutti i suoi libri e dischi portano stampato il bollino Pizzofree nella convinzione che questo possa contribuire alla diffusione del fenomeno Addiopizzo in Italia.
 
- deManagers (CT)
Fin dai primi pazzeggi, non credevamo affatto che il moniker dovesse necessariamente significare qualcosa, se volete, potrebbe apparire come un gioco tra il de privativo e l'organizzazione blasonata dai tempi moderni. Alcuni gettonavano l'incomprensibile the Imprenditors, poi conservato per eventuali sperimentazioni future.
 
Il gruppo non può certo definirsi come organizzato. Questo riguarda anche le strategie musicali e le note. Improvvisazione, composizione, gusti eclettici e delle volte strambi se accostati. Il caos delle combinazioni casuali ci aiuta a sentirci parte di qualcosa.
 
La storia recente:
Questione aperta e difficilmente risolvibile. La territorialità non ci appartiene e non vuole essere distintiva. Non importa a chi assomigliare o con chi fare amicizia.
Qualcuno potrebbe ricordare l'indie Spriggan, il collettivo improv. d'o.n.c., il duo Pseudo Dark Raver Fromm, la demoband di culto Guastas Festes ma in fondo, perché dovrebbero.
Quattro reduci del passato attratti ossessivamente dal mai estinto rock&roll, il synth pop ma anche motown, blues, cantautarato e vecchi ricordi. Il tutto suonato senza precisione matematica e tutto dedicato al senso del messaggio, crediamo al mezzo (medium) e ci affidiamo alla propria autoreferenzialità (message).
 
Collophon
Davide - chitarra, basso, armonica, coro.
Boogie - voce - sinth - effect.
Turi - chitarra - armonica, coro.
Karmek - drum - e.drum.
News
In Uscita (Luglio TBD) per EdWood/demanagers il primo LP "PROGRESSIVE IN MY HOUSE".
 
- Sadoplastik (CT)
Psichedelia, attitudine punk e inclinazione garage. I Sadoplastik nascono nel 2011 a Catania dall’incontro tra Massimo Sciuto (chitarra e voce), Massimo Landro (chitarra, voce e organo), Elisa Pulvirenti (basso), Andrè Bonaccorsi (farfisa) e Andrea Sciacca (batteria).
Vintage fantascientifico.
Vietato ai minori di 14 anni.

Ti suggeriamo i seguenti eventi

19
venerdì
dicembre
Catania Segreta Tour
Arte, Incontri • Fino al 21 dicembre / Pulp Paper - Cartiera / Catania
20
sabato
dicembre
Le Quartier du Marché
Fiere & Mercatini • Fino al 23 dicembre / Pulp Paper - Cartiera / Catania
21
domenica
dicembre
In chiave jazz
Festival & Stagioni Artistiche, Musica • Fino al 25 gennaio 2015 / Pulp Paper - Cartiera / Catania
25
giovedì
dicembre
Rock'n'roll circus
Musica, Party & Diggeiset / Pulp Paper - Cartiera / Catania

Prossimi eventi

Il Gioco Delle Sette Pietre
Incontri • 21 dicembre 2014
 
Incontri in via Carcaci
Incontri • 21 dicembre 2014
Storia di un riccio bianco
Incontri • 21 dicembre 2014
 
Fabio Cinti. Tutto t'orna
Musica • 21 dicembre 2014
Sogni di Pietre e Storia
Incontri, Teatro • 21 dicembre 2014