Tutti gli eventi a » Agrigento  • Caltanissetta  • Catania  • Enna  • Messina  • Palermo  • Ragusa  • Siracusa  • Trapani

la frutta è finita

pitture di Maria Concetta Corona
Cosa Arte
Quando dal 2 al 30 agosto 2014 Ore 19,00/23,00
Dove circolo arci nzocchè / via ettore ximenes, 95 - Palermo
Prezzo Ingresso libero
 

Io in quella stanza da pranzo ci vorrei stare, ce l'ho davanti, la potrei guardare per ore, toccare le superfici degli oggetti rappresentati, i materiali dipinti, la materia della pittura, e io sono lì, ci sono dentro, il soggiorno è un prologo, un prologo alla perfezione iperrealista....
 
Lo so che anche tu senti in bocca il sapore della panna, la panna mi solletica la gola, il cioccolato è eccessivo nel suo essere dolce, ma quei bicchieri, quei bicchieri me li porterei alle labbra.La pasta e fagioli, così pasta e fagioli, così popolare, nel concetto stride fino a farti male con quella mano perfetta con le unghia smaltate di rosso. La carne è carne, con quel sugo denso, pregno di colore che a guardarlo già ti sazia. La frutta è finita, siamo ben oltre.

a.f.

L'indagine del reale di Maria si muove, con inquadrature e tagli fotografici, a partire da pietanze, dolciumi e brani di carne. La tecnica è precisa, virtuosa e tende alla riproduzione dei minimi dettagli, dei riflessi e delle materie. Le istanze rappresentative riconducono per immediata assonanza alla Pop art ed in particolare alla volontà di ricreare i fatti e le cose della quotidianità di cui il barattolo Campbell era effige (anch'esso...cibo).
 
Avulsa da analisi sulla riproducibiltà e da critiche rivolte ai mass media ed alla società consumistica, la visione di Maria è assoluta ed estatica. Non è invece lontana da quella pittorica dell'iperrealismo, che dalla Pop art si è sviluppata, non solo per l'assoluto controllo tecnico che tende alla perfezione ed a un'analisi esaustiva del reale quanto per l'inquietudine che pervade le tele. Le dimensioni dei formati alterano le proporzioni ingrandendo frammenti di realtà e rendendola altra. Il disagio e la sensazione di sospensione dal tempo emergono prorompenti, si pensi al pezzo di carne da cui si intravede un osso.
 
La sala da pranzo è vuota e non rimanda ad un futuro desco quanto ad un convivio già celebrato ma ormai concluso. Il cibo è il nostro biologico legame alla sopravvivenza ma è per l'uomo moderno anche desiderio e profondo piacere o profondo disprezzo e discrasia con noi stessi, aberrazione e rifiuto. Rifiuto della realtà che nella ricerca di una precisione iperbolica è superata e trascesa, forse perduta. Nei pur vividi colori e nelle visioni di cibarie c'è in Maria il superamento della passione in una chiave di lettura fredda, acuta che è già oltre.

P. Tantillo

Ti suggeriamo i seguenti eventi

10
martedì
ottobre
Pittura esoterica
Arte, Incontri • Fino al 10 ottobre 2018 / associazione Animeinarte / Catania
18
sabato
novembre
Workshop di Pittura
workshop • Fino al 19 novembre / Cultura Artesiana Associazione / Catania
09
giovedì
marzo
La porta dei Sacerdoti. I sarcofagi di Deir el-Bahari
Arte • Fino al 07 novembre / Galleria Civica Montevergini / Siracusa
21
venerdì
aprile
Radicepura Garden Festival
Arte, Festival & Stagioni Artistiche, Incontri • Fino al 21 ottobre / Radicepura / Giarre (CT)

Prossimi eventi

Dialogo con l'autore
Incontri • 17 ottobre 2017
 
PreventivaMente DSA
Incontri • 17 ottobre 2017
 
Dillo tu a mammà
Incontri • 17 ottobre 2017
 
RICHARD BONA
Musica • 17 ottobre 2017
Davidoff Academy OPEN DAY
Musica • 19 ottobre 2017