Tutti gli eventi a » Agrigento  • Caltanissetta  • Catania  • Enna  • Messina  • Palermo  • Ragusa  • Siracusa  • Trapani

Obitorio per attori formati o sformati di attori #02.

Cosa Workshop & Corsi
Quando dal 26 aprile al 16 maggio 2018
Obitorio per attori formati o sformati di attori #02
[Lo spazio mancante]

SoggettileTeatro propone il suo secondo “obitorio” che si muoverà in continuità con il lavoro già avviato da diversi anni dalla Compagnia.
Questo vuole porre l'attenzione sullo “spazio mancante”, concentrando il proprio dinamismo nella disfatta dello spazio ottenuto, e in direzione opposta l’affermazione dello spazio che ci manca.

Qui di seguito alcuni dei concetti che saranno affrontati:


- L’attore consustanziale al suono, alla luce, all’immagine/acheropita.
- Metrica scenica in uno spazio mancante (muoversi dentro una strozzatura).
- Cercare soluzioni per convertirle in enigmi.
- Il teatro è un crollo!
- Resistenza e derivati.
- Appropriarsi del corpo asociale. Deformarsi fino a sparire.
- Energia dell’errore. Il caso e il sintomo analitico.
- Come farsi carico di ciò che ci manca!?

L’obitorio si svolgerà:

dal 26 al 28 Aprile
dal 2 al 4 Maggio
dal 10 al 12 Maggio

Tutti gli incontri avverranno dalle ore 19:00 alle ore 22:00
presso lo Spazio SoggettileTeatro
C.so C. Finocchiaro Aprile 93 – Palermo.

L'obitorio è aperto a un massimo di dodici persone, non c'è un limite di età né è richiesta esperienza teatrale. Ogni incontro avrà una durata di circa quattro ore, per un totale di 36 ore, al termine delle quali, nelle giornate del 15 e 16 Maggio, sarà messo in scena un breve esito aperto al pubblico.


Per info e iscrizioni: 3898015141. E-mail: soggettileteatro@gmail.com. Messaggio privato alla pagina Facebook di SoggettileTeatro.

La compagnia SoggettileTeatro avviene nel 2010, per necessità invasiva di un insieme di persone: Margherita Anello, Chiara Di Benedetto, Maria Gabriella Di Caro, Giusi Di Gesaro, smaniosi di stabilire una sinergia d’intenti attraverso l’irruzione d’un teatro fuorigioco… d’un teatro entità unica… intesa come “l’unico” stirneriano!…

… occhio totale – bocca totale – orecchio totale – naso totale – tatto totale; fusioni endemiche avviate, da’l’orale tramite corpo-metrico: gesti frantumati, oratoria del corpo→muscolo sillabico→endecasillabo dell’articolazione, a fare mescolanza dei sensi… un atto di voluttà a perdere… di spoliazione violenta del respiro-soffio e di appropriazione indebita di frastuoni emessi da’l’origine etimologica “di ciò che viene chiamato il SOGGETTILE”…

CONTINUA…

… ne’la biografia a venire, forse, parleremo di “METRICA SCENICA” definizione che SoggettileTeatro ha immesso nel proprio dizionario teatrico per liberarsi della fastidiosissima drammaturgia…

Prossimi eventi

La solitudine del curatore #1
Arte • dal 20 agosto al 2 settembre 2018
 
I MANGIANASTRI
Musica Live • 20 agosto 2018